Cerca
  • Radio Saba Sound

Fiorella Mannoia dal 15 gennaio su Rai 1 con “La musica che gira intorno”


ROMA - «Mi fa piacere che sono io ad aprire lo spettacolo su Rai 1». Lo ha detto Fiorella Mannoia alla presentazione in streaming del nuovo programma “La musica che gira intorno” in onda venerdì 15 gennaio e il 22 gennaio in prima serata su Rai 1.

«Il mio modello è Mina, la mattatrice del sabato sera – ha confessato – Vedevo lei nella mia testa, con la sua ironia e il suo disincanto, il suo modo di essere naturale».

Fiorella Mannoia fa dunque il suo ritorno in tv con un nuovo programma che celebra la musica e il suo valore nella vita di tutti noi.

«Senza pubblico e con la platea vuota è stato innaturale, però siamo stati aiutati dagli applausi che immaginavamo – ha puntualizzato – Purtroppo questo è il momento, la sicurezza viene prima di tutto e dobbiamo aspettare tempi migliori: con le persone distanziate una dall’altro era una possibilità ma è stato meglio senza».

“La musica che gira intorno”, il cui titolo omaggia la canzone di Ivano Fossati, attraverso un racconto costruito dalle canzoni e dalle storie interpretate da Fiorella e dagli ospiti dello show, ci farà emozionare, riflettere su noi stessi, rievocare i ricordi più importanti delle nostre storie, personali e collettive.

«Questa canzone di Fossati l’ho portata spesso in tournée – ha confidato – È stata l’ispirazione di questo programma perché la musica ci gira intorno a noi e non ci lascia mai, che ricorda amori finiti ma anche momenti belli: gliel’ho chiesto a Ivano di partecipare al programma, ci ho provato ma mi ha detto che sta tanto bene a casa e non ci pensa neppure a tornare sulle scene, mentre a “1, 2 e 3 Fiorella” del 2017 è venuto a parlare».

Sono moltissimi gli ospiti della prima puntata, da Claudio Baglioni a Alessandro Siani, Francesco De Gregori, Antonello Venditti, Giorgio Panariello, Marco Mengoni, Marco Giallini, Giorgia, Edoardo Leo, Andrea Bocelli, Sabrina Impacciatore, Achille Lauro, Gigi D'Alessio, Ambra Angiolini, Samuele Bersani, Flavio Insinna e Luciano Ligabue.

«Hanno aderito tutti con entusiasmo e per me è stato motivo di emozione con questa sfilza di nomi. Nella seconda puntata ci sarà anche Zucchero che non è stato difficile convincerlo perché ha accettato subito: questa è una cosa che mi commuove, perché mi sa che si sentono a casa, protetti, con la garanzia di un programma in cui si sentono a proprio agio».

Il piatto forte di questa prima puntata e della seconda sono i duetti.

«Ognuno ha la sua vocalità – ha affermato Fiorella – Giorgia la devi lasciare andare per la vocalità che io non posseggo e lei deve volare, mentre con altri sono stata in sintonia. I duetti sono stati pensati quando gli ospiti hanno aderito e su quali canzoni ci saremmo trovati in due a proprio agio, per le tonalità, o che con me hanno avuto un percorso».

Per gli attori è stato diverso.

«Con Sabrina Impacciatore è stato divertente e con Ambra giocheremo – ha accennato – Tutto il programma è comunque momento di riflessione e di divertimento, momento in cui ci si commuove e un momento in cui si ride».

Non mancheranno i monologhi in questa puntata e nella successiva.

«Saranno tanti e toccheranno temi attuali che stiamo vivendo con disparati argomenti – ha sottolineato – Siamo rimasti basiti per i fatti americani di qualche giorno fa quando militanti sono entrati in un palazzo istituzionale che eravamo abituati a vedere solo nei film: sono contro la censua ma se ci sono delle regole vanno sicuramente rispettate».

Alla prima puntata dovrebbe partecipare anche Amadeus, e c’è uno stretto riserbo forse come ospite al prossimo festival di Sanremo.

«Forse – ha apostrofato Fiorella – Non so niente per Sanremo perché questo programma è stato un lavoro molto duro».

Questa seconda ondata della pandemia preoccupa non poco l’artista.

«Nessuno di noi immaginava la prima ondata, ci affacciavamo dai balconi – ha riflettuto – Quando ne siamo usciti ci siamo dati alla pazza gioia e questa seconda ondata ci ha devastati, non abbiamo avuto rispetto per le persone che hanno perso la vita, il lavoro e c’è preoccupazione per il futuro: siamo fermi da tropo tempo, e penso anche alle attività turistiche, ai negozi chiusi e quant’altro, con il problema più grave da affrontare che è la possibilità di sopravvivere».

Stefano Coletta, il direttore Rai 1, ha elogiato Fiorella Mannoia.

«Sono contento di questo progetto – ha precisato Coletta – Rappresenta il mix tra grandissimo talento musicale e talento di una donna con le palle che non si è mai tirata indietro, che prende posizioni nel suo tempo e che unisce al coraggio una grandissima gentilezza: mi ha sempre colpito la sua reattività alle ingiustizie con grandissima eleganza nel suo essere e sa mettere in campo anche l’ironia».

«Capisco il senso di ‘donna con le palle’ – ha risposto la Mannoia – Non posso però dire ‘donna con le tette’ perché ne ho poche».

All’incontro a distanza hanno preso parte anche Claudio Fasulo (Vice Direttore Rai 1) e Duccio Forzano (regista del programma).

«Fiorella è una grande artista e Rai 1 rivendica la centralità dell’intrattenimento musicale – ha sostenuto Fasulo – Il programma declina la presenza della musica nelle nostre vite nel bene e nel male raccontando la straordinaria vocalità di Fiorella, straordinaria anche nella parte verbale e nella sua voglia di essere padrone di casa».

«In uno show così importante e potente, Fiorella è stata un’ospite favolosa con un volto partecipativo, sincero e coinvolgente che illuminava l’artista accanto a lei», ha concluso Forzano.

FRANCO GIGANTE



57 visualizzazioni0 commenti

©2021 di Radio Saba Sound - Associazione culturale Mirabilia - Via Sandro Pertini, snc - 66050 San Salvo (CH) C.F./P.IVA 02709440693

Codice licenza SIAE: 202100000011 - Licenza SCF: 107/5/20

La fruizione è limitata al solo uso privato e personale e non è consentita alcuna ulteriore comunicazione dei contenuti mediante Link o in qualsiasi altro modo.

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.

Non può, pertanto, considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. Le informazioni ed i testi inseriti sono forniti esclusivamente a titolo indicativo.